Romeo e Giulietta – Amiamo i Re del Mondo

Dopo quasi due anni dall’interruzione, torna in scena lo spettacolo musicale campione di incassi Romeo e Giulietta – Ama e Cambia il Mondo, una produzione di Clemente e David Zard – il quale già vantava la realizzazione di altre celeberrime opere come Notre Dame de Paris – con le musiche di Gerard Presgurvic ed i testi (per quanto riguarda la versione italiana) di Vincenzo Incenzo. Alla regia, il noto ballerino Giuliano Peparini.

Creato nel 2001 dal sopracitato Gérard Presgurvic, lo spettacolo si ispira alla famosissima opera di William Shakespeare Romeo e Giulietta, ma si differenzia egregiamente da quest’ultima sotto molti aspetti. Primo fra tutti, il testo inglese originario non viene applicato, ma vengono raramente citate solo alcune frasi. Ciò non significa che il linguaggio usato non sia consono all’epoca in cui si svolge la trama, bensì acquisisce anche espressioni poetiche notevolmente apprezzabili non presenti nell’opera di Shakespeare.

Un’altra differenza importante si trova nei tratti della personalità dei protagonisti, che vengono approfonditi e talvolta quasi romanzati: prendiamo per esempio Tebaldo (nel cast, Gianluca Merolli), il cugino di Giulietta (Giulia Luzi), il quale ci viene presentato non più come una meschina testa calda, ma come un giovane orfano cresciuto dal Conte Capuleti (Graziano Galatone) nell’odio verso la famiglia Montecchi, il quale non conosce altra emozione se non la rabbia ed il rancore. Egli è, inoltre, segretamente innamorato di Giulietta e ciò non fa che infiammare ancora di più il disprezzo per il casato nemico e, soprattutto, per Romeo (Davide Merlini/Renato Crudo).

Un ulteriore caso potrebbe essere il personaggio di Mercuzio (Luca Giacomelli Ferrarini), il migliore amico di Romeo, il quale incarna il “sogno figlio di un cervello ozioso”, la manifestazione delle emozioni profonde, la follia. I pensieri di Mercuzio vengono infatti esternati, gridati, senza il filtro della ragione. Inoltre, in punto di morte, Mercuzio addirittura bacia Romeo ammonendolo con le parole “la ragione perderai”.

Oltre a ciò, quest’opera non si limita a lasciar scorrere la vicenda mostrando i semplici fatti che si verificano, ma al contrario dedica interi brani ad ogni personaggio attraverso i quali vengono espressi e chiariti i loro sentimenti, così che il pubblico possa affezionarsi maggiormente ad ognuno di loro riuscendo inoltre a comprendere e – talvolta – giustificare le loro azioni.

Ce lo dimostrano canzoni come Con Che Pietà, interpretata da Benvolio (Riccardo Maccaferri), amico fraterno di Romeo, nel momento in cui apprende che dovrà essere lui a dare la notizia della morte di Giulietta al compagno, sapendo con certezza che così facendo lo “ucciderà”; oppure Il Potere, eseguita dal Principe di Verona (Leonardo Di Minno), focalizzata su quanto la supremazia ed il dominio rendano “gli uomini avvoltoi”, lui per primo; o anche L’Odio, duetto che vede protagoniste Lady Capuleti (Barbara Cola) e Lady Montecchi (Roberta Faccani/Valentina Ferrari), le due matriarche delle casate, entrambe tormentate dal disprezzo – sentimento che ripudiano, ma di cui non possono fare a meno; altri esempi possono essere S’Innamora Già, la canzone della Nutrice di Giulietta (Silvia Querci), in cui quest’ultima esprime ciò che prova per la piccola Capuleti, alla quale lei è affezionata come una madre

“non l’ho partorita io, ma quanto l’amo lo sa Dio”

e Non So Più, interpretata da Frate Lorenzo (Emiliano Geppetti) che, dopo le vicissitudini avvenute davanti ai suoi occhi, non è più sicuro della sua fede per Dio, ed arriva addirittura al punto di affermare “non mi inginocchierò mai più ai piedi tuoi”.

Il tour 2018 di Romeo e Giulietta – Ama e Cambia il Mondo ha avuto inizio il 14 Febbraio (non a caso, per San Valentino) al Teatro Ciak di Milano e da allora si è spostato a Torino, Padova, Genova, Napoli, Bari, Bologna e Firenze. Dall’1 al 3 Giugno saranno al Palalottomatica di Roma, per poi chiudere con la tappa di Cosenza nel Teatro di San Vito dall’8 al 10 Giugno. In fondo alla pagina vi lascio tutte le informazioni relative ai biglietti. 

Per quanto riguarda le mie impressioni, ho avuto il piacere di assistere alla replica del 13 Maggio a Firenze, trovando tutti i membri del cast energicamente preparati e vigorosi. Ho notato qualche cambiamento rispetto al live trasmesso dalla Rai nel 2013, soprattutto dal punto di vista del corpo di ballo (le coreografie infatti sono state quasi completamente rimaneggiate e rinnovate), ma anche in ambito scenografico – come l’aggiunta di una croce sulla quale viene legato Frate Lorenzo durante il finale di Non So Più – e per certi versi, anche della sceneggiatura: nel 2013, infatti, assistevamo all’assassinio di Paride (Alessio La Padula nel cast del 2018, Nicolò Noto nel live della Rai) per mano di Romeo in una delle ultime scene, mentre nella nuova versione tutto ciò non accade.

Se questi cambiamenti siano stati rilevanti o meno, lascio che siate voi a deciderlo, qualora riusciste (e ve lo auguro) ad assistere alle repliche di Roma o Cosenza. Posso però dire che, indipendentemente dalla scelta di inserire varie novità e di mantenere la maggior parte delle caratteristiche, tutti coloro che hanno reso e che tutt’ora rendono possibile questo spettacolo sono – e saranno sempre – I Re Del Mondo.

Sabrina Pintor

Info Biglietti: i biglietti per il tour sono in vendita su www.ticketone.it

Sito ufficiale: www.romeoegiulietta.it

Rating: 5.0/5. From 3 votes.
Please wait...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: