Rose, gatti e fette di formaggio.

Il linguaggio è lo strumento che ci permette di fare a fette la realtà, distinguere dove c’è da distinguere, e anche chiamare cose distinte con lo stesso nome. Il linguaggio può persino guardare dentro se stesso e descrivere come è fatto, facendo ordine, distinguendo e categorizzando.

Leggi il seguito

Nicola Abbagnano. Com’è fatto il futuro?

Quest’estate sono incatenato alla tesi di laurea. Prigioniero della mia scelta. Potrei andare al mare, potrei andare in montagna. Potrei, potrei, potrei. Che palle.
Ecco come la filosofia di Nicola Abbagnano può aiutarci a superare l’immobilità esistenziale.

Leggi il seguito

La narrativa femminista di J. K. Rowling

Il fenomeno letterario di “Harry Potter” ha caratterizzato l’infanzia e adolescenza di buona parte di una generazione di lettori, ma il genio di J. K. Rowling non si ferma alla creazione di una immensa realtà letteraria e una fantastica trama ricca di avventura, maturazione, amicizie e amore: l’autrice ha saputo dare vita a personaggi complessi, affascinanti e -soprattutto- modelli esemplari di un diverso, nuovo e sano paradigma concettuale. “Harry Potter” è un mondo senza bias sessisti e stereotipi di genere.

Leggi il seguito

Cédric Herrou: un délit de solidarité

Cédric Herrou, agricoltore della Val de Roya, processato il 10 febbraio 2017, è stato multato per 3000€. All’uscita dal tribunale ha subito dichiarato: “Non ci fermeremo per le minacce di un prefetto né per gli insulti di un paio di politici, continueremo a fare quello che è necessario continuare a fare”.

Leggi il seguito

Cigni neri e falsi profeti (parte 2)

Karl Popper (1902 – 1994) esce dalla filosofia della scienza per entrare nella sociologia e tenta di portare con sé il dominio della falsificabilità (Fälschungsmöglichkeit). La sua manovra ambisce a espandere i confini della scienza, per annettersi anche questa confusa sociologia che annaspa in assenza di un metodo chiaro ed univoco.
A sbarrargli la strada troverà il filosofo e sociologo –e musicologo– Theodor W. Adorno (1903 – 1969) che non ci tiene affatto a vedere il campo della scienza sociale colonizzato dalle mire espansionistiche di Popper.

Leggi il seguito